sponsor

    Patrizio Masini, il leader silenzioso ieri ha messo a segno la sua prima rete -VIDEO

    Ci sono spezzini che sognano in grande, non solo nei campi di Serie A. Uno di questi si chiama Patrizio Masini, centrocampista classe 2001, in forza alla Sambenedettese. Masini è cresciuto nel settore giovanile della storica società spezzina dell’Arci Pianazze per poi passare nel settore giovanile della società ligure del Genoa.

    NEL GENOA

    E’ arrivato al Genoa all’età di undici anni, cominciando un cammino che lo ha reso uno dei punti di riferimento della sua annata, in special modo nel corso delle ultime stagioni. Convocato anche con le nazionali Under 17 e Under 16, Masini ha debuttato da sotto età con l’Under 17 dei grifoncini, con la quale nella stagione 2017/18 ha raggiunto i quarti di finale mettendo a segno anche due reti nella fase finale del torneo. Rendimento replicato l’anno successivo, il primo in Primavera, nel quale agli ordini di mister Sabatini ha sfiorato la conquista di una storica Viareggio Cup, sogno infrantosi con il k.o. ai rigori nella finalissima contro il Bologna. Alla seconda stagione nella massima categoria giovanile, poi, Patrizio si è confermato come una delle colonne della formazione rossoblù.

    PATRIZIO E’ UN LEADER SILENZIOSO

    Masini è un centrocampista poliedrico, capace di giocare sia come mezzala di un reparto a tre che come mediano al fianco di un altro centrale. Buone doti tecniche, ma ancora migliorabili, il classe 2001 fa del senso tattico e delle capacità in fase di interdizione i punti forti del suo gioco. L’attitudine al sacrificio e la disponibilità nei confronti dei compagni, poi, lo rendono un leader silenzioso. Un ruolo riconosciuto anche dalla fascia da capitano indossata in alcune circostanze nel corso della sua trafila genoana.

    I GIORNI NOSTRI

    Quello di Patrizio Masini è il sogno ad occhi aperti di tutti i ragazzini che giocano per strada immaginando un giorno di correre sui campi magici del professionismo, piuttosto che su quelli fangosi del proprio quartiere. La scalata alla piramide del successo riesce a pochi, anche se si ha talento, perchè per sfondare nel calcio non bastano soltanto qualità tecniche e fisiche, ma ci vogliono anche costanza, dedizione e sacrificio. Il centrocampista spezzino per sfondare nel calcio che conta, quello professionistico, ha dovuto mettere insieme tutte queste qualità. Masini, il pallone lo ha nel sangue e quando parli con lui si sente. Per il calcio, e per quella voglia di arrivare ad alti livelli, ha faticato tanto e ha dimostrato a tutti, famiglia compresa, che se si vuole si può e che non bisogna mai abbattersi, ma giocarsi tutte le carte fino in fondo prima di arrendersi. E cosi, dopo mesi e mesi passati ad allenarsi con costanza è arrivato il grande giorno, quello della prima rete nel professionisti. Infatti ieri il centrocampista spezzino ha realizzato la rete del definitivo 1-1 contro il Legnago.

     

    Fonte foto sito Pianeta Genoa

    Other Articles

    Leave a Reply