sponsor

    Giulio Ponte: “Il Footgolf è uno sport per tutti. Il Virus? Esiste e noi dobbiamo…”

    Intervista esclusiva Calcio Spezzino

    Giulio Ponte non è solo un ex calciatore e allenatore del settore giovanile della Tarros Sarzanese, nonché uno degli organizzatori della Summer Champions league. Giulio Ponte è anche uno dei pionieri spezzini per quel che riguarda il FooGolf, ovvero il gioco del golf disputato calciando un pallone dentro alla buca. Infatti Giulio Ponte, insieme a Federico Figoli, Alessio Moreni e Ivano Rotoli, è uno dei fondati della società spezzina Footgolf Spezia. Fatta la presentazione dovuta, passiamo alla nostra intervista esclusiva nella quale abbiamo toccato vari punti.

    Cosa ne pensi dello stop forzato?

    “Siamo in un periodo storico davvero delicato e difficile per chiunque; mai forse ci saremmo immaginati una realtà simile nel 2020! Però ci siamo e dobbiamo guardare avanti! Credo che ognuno abbia le sue idee ma davanti a determinati dati, determinate situazioni e davanti ad un sistema sanitario ancora una volta in crisi il mio pensiero credo e spero sia quello di tutti, cioè che sia giusto fermarsi per qualche settimana, anche nel footgolf, anche fosse solo da esempio!”

    Come stanno vivendo questo momento la società ed i futuri giocatori?

    “Sai Juri, la voglia di giocare è tantissima, la voglia di mettersi in gioco ancor di più, la voglia di conoscere avversari e campi nuovi non te la sto nemmeno a descrivere, ma non possiamo far altro che aspettare e programmare il 2021; stiamo ultimando e limando dettagli importanti a livello societario e questo tempo “libero” serve appunto per gestire il tutto si spera al meglio. I ragazzi stanno imparando tante regole nuove attraverso tutorial che mandiamo nei gruppi! Ci divertiamo ugualmente!”

     

    Siete pronti per la nuova stagione?

    “Siamo quasi pronti, a breve uscirà anche la nostra divisa ufficiale che ci accompagnerà sicuramente per due anni, non vediamo l’ora di presentarla e di presentare l’intera squadra. A proposito ricordo che questo sport è aperto a tutti dai 12 ai 70 anni e che ogni fascia d’età ha i suoi premi in ogni torneo, per cui chiunque volesse provare o iscriversi noi rimaniamo sempre a disposizione! A breve, appena sarà possibile, ripartiremo con gli eventi promozionali.”

     Vuoi già fare qualche ringraziamento?

    “Guarda, ti direi di sì, siamo all’inizio ma tutto è davvero meraviglioso ed adrenalinico…e davvero un grazie infinito va a Federico, Alessio e Ivano che da subito hanno sposato un mio folle progetto pensato e buttato lì nel vero lockdown di aprile,  coinvolgendosi ed innamorandosi subito di questo sport (senza di loro sarebbe realmente difficile andare avanti); un immenso grazie va a tutti i nostri attuali sponsor che ci sostengono ed alle persone che ci stanno o ci hanno indirizzato al meglio in questo mondo per far si che tutto questo potesse davvero accadere: presidenti di altre società, presidenti di leghe e amici sparsi per l’Italia che ci hanno già presi a cuore e che ci consigliano giornalmente strade da intraprendere solo per il nostro bene! Tutti gli altri “grazie” me li tengo per altri momenti, altrimenti chi legge si stufa!”

     

    Vuoi aggiungere altro?

    “Spero che le persone capiscano che questo virus esiste davvero e che non è uno scherzo, dobbiamo proteggere i nostri nonni, le persone anziane e rispettare chi lavora in corsia per aiutarci, per cui realmente mi auguro che almeno si rispettino sempre le solite tre o quattro regoline in qualsiasi ambiente, che sia lavorativo, sportivo o quotidiano…e ne usciremo alla grande!”

     

    Other Articles

    Leave a Reply